L’Antico Caffè Greco

20/10/2019
Blog SaintsTour

L’Antico Caffè Greco di via dei Condotti è probabilmente il locale pubblico romano più famoso, con i suoi tre secoli di illustre storia. La sua fondazione risale al 1760, ad opera di un certo “Nicola di Madalena caffettiere”, forse di origine levantina, dalla quale deriverebbe il nome. La prima sicura testimonianza letteraria viene attribuita a Pierre Prudhon, che ne fa menzione in una sua lettera personale a Cesare Pascarella. All’inizio del XIX secolo il Caffè Greco divenne il ritrovo preferito degli artisti ed intellettuali tedeschi di stanza in Italia. Da allora in poi gli avventori illustri non hanno mai cessato di affollare le eleganti sale del Caffè, che, con le sue oltre trecento opere esposte, costituisce anche la più grande galleria d’arte privata aperta al pubblico del mondo. Nel corso dei secoli, quanti si fossero attardati nel locale si sarebbe potuti facilmente imbattere in Giacomo Casanova, Giacomo Leopardi, John Keats, Percy Bhysse Shelley e Lord Byron (che alloggiavano nella vicina casina rosa di Piazza di Spagna), Antonio canova, Gioacchino Rossini, Stendhal, Arturo Toscanini, Gabriele D’annunzio, Friederich Nietzsche, Thomas Mann, Alberto Moravia, le cui miniature sono esposte nella Sala Omnibus.

Antico Caffè Greco
Via dei Condotti, 86

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

0